L’arte della mindfulness

 

 

Spesso le persone rimangono intrappolate nelle vecchie abitudini e nei condizionamenti del passato; ogni volta che questo accade si colpevolizzano. Sentirsi in colpa per qualcosa che è accaduto nel passato non ti fa vivere nel momento presente, inoltre questa attitudine sottrae preziosa energia e riduce notevolmente la creatività.

Comprendere il funzionamento della mente – e i meccanismi che sabotano l’esito dei buoni risultati – è uno dei principali obiettivi della mindfulness. Nella mente hanno sede la confusione, il rumore e l’irrazionalità. Ma negli spazi di tranquillità si possono riscoprire un infinito potenziale e tanti momenti di intuzione; la mindfulness ti aiuta a trovarli.

 

 

Che cos’è la mindfulness

Letteralmente la parola “mindfulness” significa “lucida consapevolezza“, ovvero quella sensazione di potere percepire in ogni istante quello che stai facendo proprio mentre accade. L’unione tra la mindfulness e la pratica della meditazione ha la capacità di trasformare la tua vita rendendola un luogo di quiete, di pace, lontano dal tempo e dalla frenesia quotidiana dei ritmi della metropoli.

La mindfulness cominciò ad essere utilizzata in occidente nel lontano 1979 da Jon Kabat-Zinn presso la facoltà di medicina dell’università del Massachusetts. Qui egli fondò una clinica (oggi chiamata centro per la mindfulness), dove i medici inviavano i pazienti affetti da patologie a lungo termine per intraprendere un programma di riduzione dello stress (mindfulness  based stress reduction, o MSBR); questo programma ha dimostrato una notevole efficacia nella riduzione del dolore e gestione dello stress.
La mindfulness è:

  • Vivere nel momento presente.
  • Essere consapevole in qualsiasi istante di qualunque pensiero, sentimento o emozione che attraversa la mente senza giudicarlo.
  • Essere consapevole di tutto ciò che accade nel momento presente senza rimanere ancorati nel passato o impauriti dal futuro.

 

 

I benefici della mindfulness

Esistono migliaia di documenti scientifici che dimostrano che la mindfulness migliora sia il benessere fisico che quello mentale, donando allo stesso tempo maggiore creatività e intuizione oltre che a migliorare il potere decisionale. Ecco alcuni benefici scoperti:

 

 

  • La mindfulness aumenta la creatività, l’energia a disposizione e l’intuizione.
  • La mindfulness potenzia il potere decisionale.
  • La mindfulness incrementa la durata del tempo di attenzione, le capacità mnemoniche e la velocità di reazione. Aumenta anche la resilienza e la capacità di resistenza psicologica.
  • La meditazione potenzia la funzionalità cerebrale. Aumenta la materia grigia che è associata alle relative aree di empatia, autoconsapevolezza, autocontrollo e attenzione. Rallenta tutte le attività delle aree cerebrali che producono il cortisolo (ormone dello stress) e sviluppa quelle che cntribuiscono al buon umore e favoriscono una maggiore capacità di apprendimento. Inoltre rallenta l’invecchiamento di alcune aree cerebrali correlate all’età biologica dell’individuo.
  • La mindfulness è riconosciuta per avere la stessa efficacia dei farmaci e della psicoterapia nel trattamento della depressione clinica. Il programma in questione prende il nome di “MBCT” ovvero “Mindfullness Based Cognition Therapy” ed è il trattamento raccomandato dall’istituto nazionale per la salute e l’eccellenza clinica del Regno Unito.
  • Praticando la meditazione regolarmente il sistema immunitario ne viene rafforzato. Chi medita regolarmente è meno soggetto a ricoveri per cardiopatie, cancro e malattie infettive.
  • La mindfulness è uno strumento potente per affrontare lo stress, la depressione, la stanchezza psico-fisica e l’irritabilità. È noto che chi medita quotidianamente ha meno possibilità di contrarre disturbi della psiche e vive molto più felice.
  • La meditazione migliora la circolazione cardiaca e tiene sotto controllo l’ipertensione. Riduce in maniera notevole la possibilità di sviluppare patologie cardiovascolari (spesso mortali) e nel caso dovessero insorgere ne limita i danni.
  • La pratica regolare della mindfulness riduce del 57 per cento la sensazione di fastidio in caso di dolori cronici. Mentre per i praticanti più esperti il dolore si riduce addirittura del 93 per cento.
  • I benefici della meditazione sono davvero immediati e gli effetti permangono nel cervello per lungo tempo dopo solo alcuni minuti di pratica.

 

 

La resilienza

Nella vita se si vogliono seguire le proprie idee e desideri ci vuole molto coraggio, ma quando ci si trova di fronte a difficili situazioni da affrontare il solo coraggio non basta. Ecco allora che serve la resilienza ovvero la capacità di affrontare le difficoltà, il fallimento e la fatica senza mai arrendersi e farsi scoraggiare dalle avversità. Del resto si sa, le grandi imprese sono sempre avvenute con il vento contrario e mai a favore.

Scientificamente è stato dimostrato che la mindfulness aiuta proprio a sviluppare quel coraggio e la resilienza necessari ad affrontare anche le situazioni più difficili; nella maggior parte dei casi è il nostro “giudice interiore” della mente troppo critico e severo a creare dei pensieri e delle emozioni di sfiducia e pessimismo che di certo non favoriscono la creatività e il coraggio. Ecco che la mindfulness si rivela molto efficace nel mettere a tacere “il giudice interiore” della mente, andando a stimolare quelle risorse interiori che danno la forza e il coraggio che rievocano i grandi eroi mitologici.

 

 

Le principali caratteristiche della mindfulness

  • Non è una religione.
  • È uno strumento gratuito.
  • È una semplice forma di allenamento per la mente.
  • È semplice da praticare.
  • Richiede poco tempo (da 10 a 20 minuti al giorno).
  • Non offusca la tua mente, anzi la rende più libera e fluida, allontana lo stress e rende più efficace la capacità decisionale.
  • Si può meditare in qualunque posto: in treno, in aereo, in  auto mentre si è in coda, al supermercato e anche in ufficio.

 

 

Evitare il pilota automatico

La mente è in grado di gestire tutte le situazioni possibili e immaginabili comprese anche quelle di emergenza e pericolo; l’istinto di sopravvivenza è guidato da due sistemi di regolazione emotiva da molti conosciuti come sistema nervoso simpatico e parasimpatico. Il sistema nervoso simpatico è  noto anche come modalità “combatti o fuggi” o dall’inglese “fight or flight”; esso presiede a rispondere in modalità quasi immediata a situazioni di emergenza e pericolo prendendo la decisione se combattere o fuggire. Questo è un sistema di funzionamento della mente molto antico che era utilie migliaia di anni fa quando gli uomini dovevano fuggire dagli attacchi di animali selvaggi o gravi situazioni di pericolo, ma oggi molte situazioni per cui viene attivato questo sistema sono perlopiù  inesistenti o create dalla mente stessa. Il sistema nervoso simpatico (mente inconscia) non è quindi in grado di conoscere la differenza tra una situazione reale o immaginata, quindi in entrambi casi viene attivato. Ecco allora che la mindfulness è riconosciuta per donare consapevolezza in qualsiasi situazione anche le più estreme, consente quindi di riuscire a comprendere se realmente una situazione è di pericolo oppure no. In ogni caso la mindfulness è davvero efficace per evitare di reagire a qualsiasi episodio secondo dei condizionamenti del passato (il cosidetto “pilota automatico”).

 

 

Come praticare la meditazione

Il luogo comune è pensare che per meditare sia necessario mettersi seduti per terra a gambe incrociate (posizione del loto) come avviene in oriente. In realtà la posizione migliore è quella più comoda e che reca meno tensione muscolare possibile, quindi ci si può tranquillamente sedere su una sedia con la schiena distaccata dallo schienale di almeno due-tre centimetri; questa condizione è necessaria per evitare troppo rilassamento e garantire la consapevolezza e la presenza mentale continua.

Se in alcuni momenti comunque avverti una tensione o un piccolo fastidio è sempre possibile correggere la posizione con un piccolo movimento del corpo, l’importante è che il movimento sia fatto con delicatezza e la massima consapevolezza possibile.

 

 

Fai di ogni piccolo gesto la tua meditazione

Praticare la mindfulness non significa per forza sedersi a terra e chiudere gli occhi per meditare una manciata di minuti; ogni piccolo gesto della vita quotidiana può diventare di per sé una meditazione se fatto con la giusta presenza. Bere una tazza di tè assaporandola con tutta calma, ascoltare una vecchia canzone come se fosse la prima volta, lavare i piatti e perdersi in ogni goccia di schiuma, pulire la casa come se stessi pulendo la tua mente, dedicarsi al giardinaggio come se si stessero togliendo le erbacce (cattivi pensieri), sono solo alcuni gesti che possono diventare la tua pratica di meditazione quotidiana; in questi momenti puoi riscoprire il piacere di farli con gioia e leggerezza e riscontrando allo stesso tempo maggiore creatività, intuizione e a volte può anche arrivare dal nulla qualche “lampo di genio”.

 

 

L’amore è l’arte di stare con gli altri, la meditazione è l’arte di essere in relazione con se stessi, lascia che l’amore e la meditazione siano le tue due ali.”
(Osho)

 

Libri ed eventi consigliati:

 

L'Arte della Mindfulness
Come liberarsi dalle abitudini mentali e sviluppare talento e creatività

 


 

MINDFULNESS
Presentazione del Metodo per la Riduzione dello Stress Basato sulla Minfulness (MBSR)

Maurizio Padrin
Please follow and like us:

Lascia un commento

Close












Se trovi utile il materiale gratuito fornito da Direzione Benessere sostienici – Fai una donazione
Prodotti BIO per la tua spesa online
Acquista Online su SorgenteNatura.it



Macrolibrarsi











Direzione Benessere utilizza e consiglia SITEGROUND
Web Hosting


Archivio Articoli
Statistiche
  • 123.537 Numero di click
Close

Direzione Benessere

Naturopatia, Suono, Massaggi e Crescita Personale

@2020 - www.DirezioneBenessere.com di Maurizio Padrin. P. IVA 08085810961 - Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione anche parziale . DirezioneBenessere.Com ha uno scopo informativo e di intrattenimento, non va a sostituire consulenze, diagnosi e trattamenti medici.
Close
error

Ti piace Direzione Benessere? Allora condividilo con chi vuoi... :-) Grazie!